Bimbi in sovrappeso: in Italia ci sono ancora troppi bambini a rischio obesità
cibo sano per bambini in sovrappeso

Bimbi in sovrappeso: in Italia ci sono ancora troppi bambini a rischio obesità

Italia patria della Dieta Mediterranea, oppure no?

Uno dei motivi di vanto della nostra nazione è sempre stata la Dieta Mediterranea, la corretta alimentazione e il rigoroso rispetto dei dettami sulla salute, eppure negli ultimi anni la percentuale di obesità infantile è salita al 30% del totale, una delle più alte d’Europa. Un fenomeno che non può lasciare indifferenti noi papà nei confronti dei nostri figli.

Intervenire da bambini per scongiurare rischi di salute da adulti

È innegabile che negli ultimi anni il nostro stile di vita sia cambiato, è tutto più fast, un mordi e fuggi generale, una corsa contro il tempo e un districamento generale tra lavoro, casa ed impegni nostri di genitori e dei nostri stessi figli tra scuola, diversi hobby e attività alternative. Si riduce così il tempo che dedichiamo alla preparazione di pasti salutari ma golosi e quindi l’attitudine che mettiamo per insegnare ai nostri figli a mangiare tutto. Demandiamo così tutto ai pasti fuori, ai fast food e alle merende già confezionate. Senza demonizzare il panino una tantum del pub, ma è indubbio che gli elevati condimenti, la ricchezza di aromi e gli ingredienti di dubbia qualità hanno un effetto sulla salute dei nostri figli. Più calorie da bambini significheranno un incremento dei livelli del colesterolo da adolescenti e un aumento del rischio di infarto da adulti. 

La diagnosi di sovrappeso va affidata ad uno specialista

Non basta il classico rapporto “altezza meno cinque” per stabilire il peso ideale in un bambino, nè dobbiamo prendere il filo di pancia come indicativo di un potenziale sovrappeso. Esistono delle linee guida per stabilire se nostro figlio è affetto da questo patologia e in quanto tale, noi papà dobbiamo affidarci al responso del pediatra, senza accingerci a formulare diagnosi da soli.

Cambiare lo stile di vita dell’intera famiglia può essere una soluzione


Cosa succede se noi genitori mangiamo un ricco pasto a base di patatine fritte e nel piatto del nostro bambino compariranno petto di pollo ed insalata scondita? Che non solo lui non sarà partecipe di questo processo di rieducazione alimentare, ma incideremo anche sulla sua psiche demotivandolo. Dobbiamo impegnarci noi stessi a cambiare le nostre abitudini per incoraggiare anche nostro figlio. E il pomeriggio, anzichè leggere l’ennesima mail di lavoro, mettiamo le scarpette da tennis e via tutti insieme al parco per una corsetta.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin