Quali sono i problemi più comuni per un papà single?

Quali sono i problemi più comuni per un papà single?

Attualmente la condizione di papà single è molto frequente.

Eppure essere un buon papà single non è tanto diverso dall’essere un buon padre almeno per quello che riguarda il percorso di crescita di un figlio.

Il papà single, però, si trova a dover affrontare una serie di situazioni o di problematiche che prima erano delegate alla madre. Si trova quindi nella necessità di dover imparare trovando strategie e tempo per la gestione.

Non abbatterti alla prima difficoltà

Sarà difficile, ma passare del tempo “esclusivo” con i tuoi figli ti permetterà di rafforzare con loro il dialogo, potrai trasmettere loro tutti i “valori paterni” di cui vai così fiero. Concentra le tue forze ed incanalale nel raggiungimento dell’obiettivo: crescere figli sereni con sani principi. Rinnovarti come padre ti migliorerà anche come uomo.

Affidati a te stesso

Sii sempre spontaneo e naturale, non cercare di sostituirti alla mamma. Sei un uomo e comportati come tale, per tuo figlio è importante avere accanto una guida, qualcuno di cui fidarsi. Non conta chi sei ma come svolgi il tuo ruolo.

Organizza il tuo tempo

Dover conciliare vita lavorativa e familiare potrebbe, almeno inizialmente, non essere così semplice. Va affrontato il quotidiano e tutte le incombenze che ne derivano. Devi imparare a gestire i tuoi orari lavorativi e allo stesso tempo occuparti dei compiti, delle attività pomeridiane dei tuoi figli, della gestione della casa, della spesa e via dicendo. Sei un Superpapà ma i tuoi superpoteri non sono illimitati: cerca di organizzare i tempi nel migliore dei modi ma quando non riesci a fare tutto affidati a persone di fiducia: nonni, zii, baby sitter, fai la spesa online e così via.

Non scordarti che la parola d’ordine è… divertimento!

Gioca con i tuoi figli. Ricavati sempre del tempo da trascorrere con loro in allegria. Non essere sopraffatto dal pensiero di dover soddisfare i loro bisogni perché tra questi c’è anche quello di trascorrere con te del tempo piacevole. Non hanno solo bisogno di un piatto caldo sul tavolo o di vestiti puliti nel cassetto, hanno bisogno di essere felici! Gioca, scherza, ridi ma non esagerare, non devi diventare loro amico: te rimani sempre il loro papà!

Occhio alla “sindrome dell’imperatore”

Non farti sopraffare dai sensi di colpa o dalla paura che dicendo “no” perderai l’affetto dei tuoi figli. Il rischio maggiore è quello che, soddisfacendo ogni suo desiderio, il bambino si trasformi in un piccolo despota perdendo il vero valore delle cose. Ricordati che un bambino viziato non sarà mai un adulto integrato nella società.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin