Neogenitori in “bianco”!

Neogenitori in “bianco”!

È comune alla maggior parte dei papà il fatto che la compagna, dopo il parto, non sia più interessata a vivere l’intimità, tanto meno ad avere rapporti sessuali, cosa che può causare attriti all’interno della coppia.

I papà perdono “importanza”

Gli uomini si sentono meno importanti e desiderati, e pensano che la moglie li abbia messi in secondo piano rispetto al neonato. Questo è, in parte, vero. Un neonato (e questo lo sappiamo benissimo) richiede attenzioni e energie continue, c’è poco tempo per il resto e, se avanza un pochino di tempo, una mamma lo usa per riposare, per farsi una doccia o, nella maggior parte dei casi, per sistemare casa.
Tanti papà mi chiedono “ma perché lei non dà priorità ai rapporti?”.

Le mamme “cambiano”

Il ruolo di neomamma è un ruolo che assorbe tutte le energie, i pensieri e il corpo della donna. La priorità è accudire il bambino e accudire sé stessa, con gli strascichi mentali e fisici di questo cambiamento. Ha bisogno di qualcuno che la accudisca a sua volta, e che viva con lei il cambiamento del suo corpo. Con la gravidanza e il parto il corpo della donna cambia notevolmente. Non tutte le donne vivono questo cambiamento in modo positivo, anche perché oltre a essere non belli esteticamente (e anche se per voi ancora più bella di prima lei non lo vede) a volte sono cambiamenti che le portano dolore e fastidio.

Reinventiamoci

Cosa fare allora? Ci sono tanti modi per scambiarsi amore, stare abbracciati a letto, condividere la nuova esperienza di genitori, carezze e coccole. Con un po’ di pazienza, in qualche settimana tutto rientra nella normalità. Se dura di più allora è il caso di chiedersi se i problemi non siano altri e il bimbo è solo una scusa per nascondere conflittualità all’interno della coppia.
Insomma, cari papà, alla fine la risposta è sempre una: pazienza, che con le donne non basta mai!

Paola Francesca Lattanzi
Sono psicologa, psicoterapeuta familiare e mamma alla terza di una piccola squadra al femminile.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin