Estate, tempo di divertimenti, attività all’aria aperta, viaggi e “Papà, quando arriviamo?” oppure “Quanto manca?”. Se c’è una cosa infatti che mette a dura prova la pazienza dei tuoi figli (e anche la tua) quella è senza dubbio un lungo tragitto in macchina. La noia, la mancanza di stimoli interessanti, l’autostrada che scorre sempre uguale davanti agli occhi dei ragazzi: tutto sembra cospirare per rendere il tragitto estenuante e anche poco piacevole. Il risultato è che spesso, prima di organizzare le vacanze, ti chiedi se sia il caso di progettare viaggi che prevedano un lungo spostamento in automobile. In realtà ci sono piccoli accorgimenti come il partire di notte o organizzare un numero sufficiente di soste, che aiutano a pianificare un viaggio piacevole per tutta la famiglia.

Un lungo percorso in macchina non può fare a meno di alcuni “ingredienti” essenziali come bevande, spuntini e tanta musica adatta all’età dei ragazzi. A questi elementi ne devi aggiungere uno fondamentale, forse il più importante: regalare al viaggio un valore affettivo unico. Le ore trascorse insieme sono un’occasione da sfruttare per ridere e giocare. Le attività condivise durante quelle lunghe ore ti aiutano non soltanto a viaggiare più sereno, ma sono un’occasione preziosa per comprendere meglio il pensiero dei tuoi ragazzi e quello che per loro è importante. L’abitacolo della vettura diventa un microcosmo in cui finalmente sei a tu per tu con i tuoi figli, senza le distrazioni e lo stress tipico della vita quotidiana.

Il mezzo più potente per divertire i tuoi figli e per entrare nel loro mondo rimane sempre il gioco. In questa guida ti proponiamo 3 giochi divertenti da fare con papà mentre si viaggia in macchina.

A chi sto pensando?


Un giocatore pensa a un personaggio famoso. Può essere chiunque: una personalità del mondo dello spettacolo, uno sportivo, un cartone animato. L’obiettivo è indovinarne l’identità. Per identificarlo, i giocatori, a turno, devono porre delle domande che prevedano semplicemente un si o un no come risposta. Vince chi indovina per primo e il giocatore che ha risolto l’enigma prende un punto. Chi arriva a 10 ha vinto la partita.

Variante: puoi sostituire le persone con gli oggetti, soprattutto in presenza di bambini piccoli.

Le associazioni logiche


Uno dei passeggeri dice una parola. Gli altri a turno ne devono dire un’altra che faccia pensare alla prima parola detta e lo devono fare nel minor tempo possibile. Ad esempio, a mattina puoi associare caffè, latte, pigiama e così via. Viene eliminato chi ripete una parola già detta.

Nè si né no

Il gioco consiste nel porre ai tuoi figli delle domande alle quali non potranno rispondere né si né no. Ovviamente viene eliminato chi per primo dice queste due paroline. È uno dei giochi più divertenti perché se all’inizio i ragazzi riusciranno a rispondere in modo corretto, col protrarsi del gioco dimenticheranno la regola principale, scatenando l’ilarità generale.

, ,
Silvio Petta

I papà sono sbarcati in rete, seguici su Facebook - Twitter - Google+ e, presto, sul nuovo sito

Post simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.