Figli adolescenti all’improvviso, come è successo?


Li abbiamo lasciati bambini, si sono fatti scegliere da noi papà i vestiti giusti per andare a scuola, sistemare i capelli e ci hanno raccontato tutti i loro segreti inondandoci di coccole, adesso li ritroviamo burberi, di cattivo umore e con una frase che ripetono in loop “papà tu non mi capisci”. Come è successo tutto ciò?

L’adolescenza è lo scoglio più grande da affrontare per noi papà

Le mutazioni legate al loro corpo, le curve che iniziano a segnare l’immagine di donna e la barba quella di giovane uomo, possono creare disorientamento e disordini nella vita dei nostri figli, che reagiranno ad essi con rabbia e aggressività, sia nei confronti di noi adulti che dei propri coetanei, oggetto del loro confronto.

Lo scontro ed il rifiuto dell’autorità


Se fino ad ora per i nostri figli noi papà eravamo degli alleati, adesso incarniamo il ruolo dei nemici, perché riconoscono in noi la figura dell’autorità. Specialmente quando iniziamo con i primi “no” segnanti. Il momento dell’emancipazione dei nostri figli è davvero molto delicato da gestire per noi genitori che dobbiamo imparare a toccare i tasti giusti con loro.

È come nel gioco del tiro alla fune

Genitori e figli dopo essere stati nella stessa squadra per dodici o tredici anni, si ritrovano improvvisamente avversari a giocare una partita di tiro alla fune, dimostrando così all’altro “chi comanda”. In realtà non bisogna mai coalizzarsi nè contro nè a favore dei figli capricciosi, ma trovare un equilibrio attraverso il dialogo.

Non è sempre colpa degli ormoni


L’adolescenza ci pone davanti ad un processo ormonale molto intenso per i nostri figli, iniziano a manifestarsi le prime pulsioni sessuali e con esse le prime emozioni ed imbarazzi da gestire, prima con se stessi e poi con noi genitori. Di fronte ad un’esperienza nuova, l’inesperienza nella sua gestione può sfociare in smarrimento e confusione, che genereranno rabbia e la convinzione di essere “incompresi” dagli adulti. Noi papà dovremmo iniziare a parlare di sesso con loro senza imbarazzi, questo li farà sentire compresi e più predisposti al dialogo anche su questo piano.

Immedesimarsi in loro e ricordare noi stessi alla loro età

Adesso siamo adulti realizzati e sereni, papà innamorati dei propri figli e uomini di successo. Ma come eravamo in adolescenza? Figli ribelli, sempre pronti a dare addosso ai nostri genitori, pretendendo la totale autonomia rispetto alla nostra vita e alle decisioni su di essa (orari di ritorno a casa serali compresi). Per fortuna i tempi sono cambiati e c’è più dialogo con i nostri figli rispetto alle generazioni dei nostri genitori, non perdiamo così l’occasione di condividere anche questa tappa così controversa ma necessaria nella vita dei nostri figli.

Post simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.