La gravidanza è un meraviglioso viaggio a due. Queste sono le 10 cose più importanti da sapere per affrontare al meglio questo periodo.

Gli ormoni

Ride, piange, si arrabbia, ti abbraccia, poi ride di nuovo, ti manda a quel paese e infine se ne va. È diventata bipolare? Niente affatto, sono gli ormoni ballerini che dettano le leggi del suo umore altalenante. Non c’è rimedio, se non quello di evitare discussioni inutili e cercare di essere comprensivo.

Dille che è bella

Mai come in questo momento ha bisogno di sentirsi dire che è bella e desiderabile. Portale un fiore, falle un complimento quando meno se lo aspetta e prenditi tu stesso del tempo per imparare a conoscere la sua nuova pelle, le sue curve che celano e nutrono il miracolo della vita. E soprattutto evita di guardare le altre per strada se non vuoi trovarti al centro di una litigata epocale, in cui ti scaglierà contro un intero esercito di ormoni inferociti!

Bye bye umorismo!

La buona notizia? Aspettate un bambino. La cattiva? Non c’è abbastanza spazio per la pancia e il tuo senso dell’umorismo. Quindi se ti piaceva prenderla bonariamente in giro, farle il solletico, sottolineare qualche lieve difetto per farla ridere, sappi che adesso le tue battute saranno ascoltate dalle orecchie di una temibile serial killer. Gli ormoni le hanno modificato anche il senso dell’umorismo, quindi adeguati!

Bricolage mon amour

Durante i nove mesi vorrà rifare l’arredo del bagno, della cucina, vorrà mettere un armadio a muro nell’intercapedine del salotto salvo poi volerla togliere dopo due o tre settimane. Qui non c’entrano nulla gli ormoni ma la carica progettuale che l’inizio di una nuova vita porta con sé. Credimi, lo farebbe lei se potesse. Però non può, quindi vai a prendere la cassetta degli attrezzi!

Siamo incinti?

Per quanto tu ti senta coinvolto dalla gravidanza, evita come la peste la frase “Siamo incinti”, pena l’assalto alla giugulare. Lei ingrassa, lei ha la nausea, la vescica ballerina e le caviglie gonfie. Non tu.

Falla mangiare

Riempi il frigo e soprattutto non toccare mai le sue scorte di cibo. Se la tua compagna non troverà l’amato vasetto di Nutella o le patatine si trasformerà come Linda Blair nell’Esorcista. Quindi, se al momento sei sprovvisto di acqua santa e crocefissi, cerca di farle trovare qualcosa da mangiare appena pronuncia la fatidica frase “Ho fame”. Non guardarla come se fosse un pozzo senza fondo all’ennesimo snack addentato. Ha davvero bisogno di mangiare.

Nausee

Probabilmente soffrirà di nausee mattutine che, in alcuni casi, si porterà dietro per l’intera giornata. Puoi starle accanto o forse non ti vuole vicino finché non ha finito di rimettere. Osservala, chiedile cosa preferisce, è l’unico modo per poter essere davvero utile.

Sesso? Si, no, forse!

Preparati a un’altalena di periodi. Durante il primo trimestre al solo pensiero sarà capace di morderti la testa come uno zombie, durante il secondo trimestre, il più tranquillo, ti sembrerà di aver bisogno della prescrizione per il Viagra, salvo poi tornare in stand-by nell’ultimo periodo. Il segreto? Osservala, ascolta e non forzarla mai.

Maneggiare con cautela

Le porti le buste della spesa, eviti che raccolga oggetti pesanti, la proteggi. Ti sembra giusto, naturale. Eppure alla prima occasione te lo rinfaccerà dicendoti che non è fatta mica di vetro! Anche se la gravidanza è una condizione super impegnativa, le donne incinte non sono fragili e non hanno bisogno di un compagno che limiti la loro attività. Ti consiglio un trucchetto: aiutala senza dare nell’occhio!

È arrivato il momento!

Quando lei ti dirà “Andiamo in ospedale”, non perdere tempo a farle domande stupide della serie “Sei sicura?”. Prendi la valigia, correte in macchina e in bocca al lupo futuro Superpapà, andrà tutto bene!

, , , ,
Silvio Petta

I papà sono sbarcati in rete, seguici su Facebook - Twitter - Google+ e, presto, sul nuovo sito

Post simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.