Il seggiolone? Indispensabile!


Sei pronto ad aggiungere un nuovo complemento d’arredo alla tua cucina? Quando arriva il momento delle pappe, generalmente intorno ai 4/6 mesi, il seggiolone diventa un elemento indispensabile per il bebè ma anche uno dei più maltrattati. Lo usi almeno tre volte al giorno, diventa il bersaglio preferito di minestrine e omogeneizzati spiaccicati ovunque, tanto da doverlo pulire in continuazione. Per questi motivi è necessario scegliere un modello sicuro, affidabile e a prova di bimbo. Ecco una serie di domande che devi porti prima di acquistarlo.

Legno o plastica?

La scelta dipende in larga misura dai tuoi gusti personali. Il seggiolone in legno ha un fascino senza tempo, è solido e sicuro. Lo svantaggio è rappresentato dal fatto che è un po’ troppo voluminoso e ingombrante. Inoltre, se vuoi utilizzarlo fin dai primi mesi, hai bisogno di un cuscino o di un riduttore per rendere la seduta più confortevole. Il seggiolone in plastica al contrario è forse meno bello da vedere, ma offre il vantaggio di essere più comodo e pratico. Il sedile è solitamente reclinabile e imbottito. Qualunque sia il materiale da te scelto, dovrai prestare attenzione a un elemento fondamentale ovvero le dimensioni del seggiolone, soprattutto se hai intenzione di chiuderlo quando non ti serve.

È facile da usare?

Prima di fare acquisti, vai in negozio e prova i modelli esposti. Guarda se puoi alzare la parte del vassoio con una sola mano, visto che spesso dovrai compiere questa azione con il bimbo in braccio. Dai un’occhiata anche alle cinghie dello schienale per vedere se le puoi allacciare con facilità. La presenza delle cinture di sicurezza è un fattore da non sottovalutare mai in quanto la maggior parte delle cadute dal seggiolone si verificano perché i genitori non hanno assicurato il bambino con le apposite cinghie.

È comodo?

Il bambino deve sentirsi a suo agio durante i pasti quindi è necessario che il seggiolone offra un comfort ottimale. Per questo motivo ti conviene scegliere modelli che abbiano la seduta e lo schienale imbottiti e siano corredati da un poggiapiedi comodo. Per quanto riguarda lo schienale assicurati che sia reclinabile almeno in 3 posizioni. A questo aggiungi che deve essere regolabile in altezza e avere due ruote che ti permettono di spostarlo senza fatica.

È facile da pulire?

Ammettiamolo, lo svezzamento non è una passeggiata. I bebè si trasformano da innocenti pargoletti, che profumano di mamma e colonia agrumata, a esperti lanciatori nel tiro della pastina microscopica, quella stessa pastina che tu troverai spiaccicata nelle fessure più nascoste del seggiolone. Per questo motivo controlla che il modello che stai per acquistare abbia la seduta impermeabile e lavabile. Gli ultimo seggioloni ti offrono la possibilità di staccare interamente il vassoio per poterlo lavare anche in lavastoviglie.

Per quanto tempo vuoi utilizzarlo?

Il seggiolone tradizionale, quello in legno classico per intenderci, può essere utilizzato fino ai due anni d’età. Dopo il bambino può sedere tranquillamente nelle sedie come mamma e papà. In commercio esistono anche modelli che accompagnano il bimbo molto più a lungo perché hanno la parte del vassoio completamente removibile. Questa caratteristica li trasforma in un seggiolino per giocare oppure in una sedia grande per stare a tavola con tutta la famiglia.

È sicuro?

Il seggiolone deve recare la presenza dello standard di sicurezza EN 14988. Non acquistare modelli che ne sono sprovvisti. Assicurati che sia ben bilanciato e con gambe robuste, pronte a sostenere anche il più vivace dei bambini. Se scegli un modello in legno assicurati che abbia le finiture lisce e che non ci siano bordi ruvidi o rialzati.

,
Silvio Petta

I papà sono sbarcati in rete, seguici su Facebook - Twitter - Google+ e, presto, sul nuovo sito

Post simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.