HEIDI

Regia: Alain Gsponer
Durata: 106’
Età: 7+

 

 

Dopo il classico anime degli anni ’70, diretto dal co-fondatore dello Studio Ghibli Isaho Takahata, e la più recente serie animata realizzata in computer grafica (su cui è meglio stendere un velo pietoso…) torna sul grande schermo Heidi . A vestire i panni della pastorella più famosa del mondo è Anuk Steffen, giovanissima attrice svizzera (frequenta ancora la scuola elementare!), scelta tra oltre 500 pretendenti al ruolo. Ad affiancarla nella parte del nonno c’è l’ottimo Bruno Ganz, versatile attore svizzero noto al grande pubblico per le sue indimenticabili interpretazioni in Pane e tulipani e ne La caduta.

 

La storia è ben nota a tutti. Rimasta orfana di entrambi i genitori Heidi viene affidata al nonno e con lui trascorre la sua infanzia nei pascoli alpini. Fino a quando sua zia Dete decide di farla trasferire presso la ricca famiglia Sesemann, a Francoforte, dove potrà ricevere un’istruzione adeguata e diventare la compagna di giochi di Klara, la figlia dei Sesemann condannata a stare su una sedia a rotelle. Tuttavia, nonostante l’amiciza con Klara, la nostalgia per la montagna si fa presto sentire.

 

Rispetto ai vari adattamenti live-action che si sono susseguiti negli anni (papà e mamme con buona memoria ricorderanno anche Zoccoletti olandesi, la versione del 1937 interpretata da Shirley Temple) questo nuovo film cerca di mantenersi molto fedele al romanzo originale di Johanna Spyri.

 

Buona parte della pellicola tra l’altro è stata girata proprio sulle Alpi svizzere sfidando i repentini cambiamenti meteorologici tipici dell’alta montagna. Infatti la baita del nonno di Heidi si trovava a oltre 1900 metri di altezza. A quanto pare però ne è valsa la pena perché la bellezza di quei paesaggi riprodotta con vivido realismo sul grande schermo toglierà il fiato a genitori e bambini. E chissà che non fornisca lo spunto per andare a visitare e a vivere le nostre splendide montagne già a partire dalle prossime vacanze estive!

 

 

Trailer italiano

 

https://www.youtube.com/watch?v=JamJSN6rrf4

 

 

BATMAN V SUPERMAN: DAWN OF JUSTICE

Regia: Zack Snyder
Durata: 151’
Età: 12+

 

Chi è più forte, Goldrake o il Grande Mazinga? Braccio di Ferro o Ercole? Superman o Batman? Chi da piccolo non ha mai litigato con qualche amico per questioni di capitale importanza come queste non sa cosa si è perso. Ma ecco arrivato finalmente il film che dirimerà la questione senza ombra di dubbio. O forse no, perché dalla sinossi ufficiale sembra che mentre Batman e Superman se le stanno dando di santa ragione una minaccia di proporzioni colossali rischia di mettere a repentaglio la sopravvivenza dell’intera umanità. E che faranno dunque i due supereroi? Naturalmente uniranno le loro forze per difendere la terra, insieme a Wonder Woman e ad Aquaman.

 

batman v supermanIspirato principalmente alla graphic novel Il ritorno del Cavaliere Oscuro di Frank Miller, Batman v Superman  oltre a mettere a confronto i due supereroi pone le basi per il successivo sviluppo dell’universo basato sui personaggi della DC Comics. Questo sovraccarico di intenti rischia in più punti di far perdere di coesione al film che comunque offre uno spettacolo all’altezza del suo budget (250 milioni di dollari). Un plauso speciale va all’interpretazione di Ben Affleck, nuova incarnazione dell’Uomo Pipistrello, che sopravanza anche le già notevoli performance di Michael Keaton e Christian Bale.

 

Attenzione però che proprio per le numerose e cruente scene di violenza il film non è adatto a un pubblico di bambini, perciò, mamme e papà appassionati di fumetti, se i vostri figli hanno meno di 12-13 anni, meglio che vi orientiate verso altri spettacoli per questo fine settimana pasquale, come Kung Fu Panda 3 o Zootropolis. Certo non è la stessa cosa, ma state certi che i vostri supereroi approverebbero il sacrificio.

 

 

Trailer italiano

 

 

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Silvio Petta

I papà sono sbarcati in rete, seguici su Facebook - Twitter - Google+ e, presto, sul nuovo sito

Post simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *