C’è un mondo, anzi un universo, in cui una famiglia come tante – ma al tempo stesso speciale – si trova alle prese con missioni particolari ma anche con la vita di tutti i giorni. Miles Dal Futuro, la nuova serie targata Disney e in onda dal lunedì al venerdì alle 19.30 su Disney Junior (canale disponibile sulla piattaforma SKY e Mediaset Premium), è questo, e molto altro ancora!

Miles_Episodica

Sì, perché i Callisto, inviati speciali dell’Autorità di Transito di Futurolandia, non sono altro che mamma Phoebe, papà Leo, il giovane Miles e la sorella Loretta. Con loro un animale domestico che non passa inosservato, il simpaticissimo struzzo robot Merc. I cinque protagonisti in ogni episodio si trovano a dover visitare nuove galassie, esseri alieni di ogni genere, veicoli sofisticati e strumenti all’avanguardia, ma alla base non c’è altro che questo: la famiglia, con tutte le sue sfaccettature.

Certo l’ambientazione è affascinante, ed è stata creata grazie alla consulenza della Space Tourism Society,  di Google e della NASA, che  ha messo a disposizione scienziati ed esperti di tecnologia nonché il Jet Propulsion Laboratory (JPL).

I Superpapà all’anteprima di Miles Dal Futuro

Questo lunedì, poche ore prima dell’esordio ufficiale della serie sul piccolo schermo, noi di Superpapà abbiamo potuto ammirare in anteprima, presso la sede Disney di Milano, due episodi di Miles Dal Futuro e il collegamento video con l’architetto spaziale John Spencer, fondatore e presidente della Società di Turismo Spaziale ma anche consulente di questo cartone animato.

La biografia di Spencer parla per lui: si tratta infatti di uno dei massimi esperti nella creazione e design di strutture spaziali e di interni di veicoli spaziali, sia per la NASA che per società spaziali private; si occupa inoltre del concepimento della simulazione spaziale per il grande pubblico, presso le attrazioni turistiche, i resort, i campi scuola e per i media.

SpencerIntervista a John Spencer

E l’esperto si è rivelato davvero gentile nel rispondere con simpatia ma anche dovizia di particolari alle moltissime curiosità del giovane pubblico presente: “L’universo è infinito – ha spiegato – e si espande sempre di più. Le stelle hanno diversi colori, proprio come le persone, e anche misure differenti”. Sulle proprie passioni: “Amo i film di fantascienza, e mi piace progettare navicelle, basi e yatch orbitali. Sono un architetto, ma mi sono specializzato nella progettazione di strutture che vanno nello spazio. Sono una persona che ama il futuro, mi piace immaginare come sarà la vita nello spazio fra venti, trenta, quarant’anni. I creatori di Miles Dal Futuro volevano proprio sapere come sarebbe stato il futuro, e quando ci siamo incontrati abbiamo parlato di disegn e di aspetti scientifici, per creare un qualcosa che fosse il più verosimile e realistico possibile.Uno dei miei eroi è Walt Disney, che ha creato un mondo meraviglioso, attraverso film e cartoni animati con messaggi positivi che hanno condotto tutti verso il futuro”. Spazio poi ad alcune curiosità: attualmente un viaggio turistico nello spazio costa 45 milioni di dollari, e proprio in questo momento è in fase di progettazione un albergo sulla Luna. “Tra di voi – ha quindi detto Spencer ai bambini – c’è già chi in futuro potrà andare e tornare dalla Luna e da Marte”.

APP –  Miles dal futuro Missioni Spaziali

Disney ha inoltre annunciato che è in arrivo la nuova APPMERC, MILES Miles dal futuro Missioni Spaziali per Apple IOS, che sarà disponibile a partire dalla fine di maggio. I giocatori saranno proiettati nella galassia insieme a Miles e Merc, per esplorare nuovi pianeti e vivere rischiose missioni.

L’innovativa app lancerà un gioco  in cui un simulatore spaziale di realtà virtuale 3D, consentirà di controllare il velivolo di Miles; tramite il controllo manuale dell’apparecchio, i ragazzi potranno visitare una varietà di ambienti planetari.

 

Emanuel Di Marco

, , , , ,
Silvio Petta

I papà sono sbarcati in rete, seguici su Facebook - Twitter - Google+ e, presto, sul nuovo sito

Post simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *