“Tu preferisci lui/lei a me!”. Ma…esiste il “figlio preferito” ?!
“Dimenticare” il proprio figlio in macchina, quando la mente fa brutti scherzi